Là fuori sopravvive il più forte (marketer). Hai quello che serve?


Là fuori sopravvive il più forte (marketer). Hai quello che serve?

Il mondo del digital marketing può davvero essere una giungla di azioni e deadline pressanti in cui solo il più organizzato sopravvive. Ma come capire se sei tu quello giusto?

Per prendere il toro per le corna, ho chiesto al Marketing Manager di Moskito Design, Matteo Cucuzza, di darti qualche idea per capire se sei adatto a sfidare la giungla del marketing.

Ami i fogli di calcolo

Un artista ha la sua tela, uno scrittore il suo foglio bianco. Ma il luogo in cui tu fai la tua magia sono i fogli di calcolo: conosci tutti i trucchi per mettere ordine in una massa scombinata di scritte e numeri, oppure sai come trovarli. Un foglio di calcolo è il posto in cui trovi il senso profondo delle cose e grazie alla tua passione tutto diventa chiaro anche per gli altri.

Matteo: Excel è uno strumento di lavoro importantissimo. In termini di organizzazione, non esiste un planning ben fatto senza un Excel. Ma è anche un foglio di calcolo: non puoi analizzare la performance della tua campagna se non sai usare Excel. E saperlo usare bene vuol dire andare oltre le semplici formule logiche o di calcolo. Vuol dire trovare la giusta soluzione per ciò che sembra impossibile portare a termine con quel foglio di lavoro.

Hai la testa per i numeri

La fede è per i credenti. Le intuizioni sono per i detective. Ma in quanto marketer tu hai bisogno di numeri, statistiche e dati, perché solo loro possono darti i fatti concreti di cui hai bisogno. Hai delle buone basi di statistica che ti permettono di calcolare quello che vuoi, a che punto ti trovi e cosa ti manca per arrivare al traguardo.

Matteo: Una buona strategia di marketing si basa sull’intuizione, ma soprattutto sugli insight ricevuti dalle campagne appena terminate. Non solo: se ti sai muovere coi numeri, sei in grado di descrivere la tua campagna nel modo più dettagliato possibile.

Hai la testa per la strategia

Che si trattasse di giocare a Risiko da ragazzino oppure costruire la tua squadra per il Fantacalcio, hai sempre avuto occhio per la mossa successiva, senza focalizzarti sul momento presente. E non sei solo quello con le idee brillanti – riesci a vedere la campagna nei dettagli per capire cosa non funzionerà e cosa invece sarà davvero utile.

Matteo: Nel marketing la strategia è tutto. Se sei molto fortunato, una campagna improvvisata può trasformarsi in un colpo di genio. Ma è più probabile che sia invece un completo disastro: devi sempre tenere un occhio sugli obiettivi e sui KPI coi quali analizzarli. Per riuscirci occorre avere alle spalle una buona strategia.

Sai che da dietro le quinte si vede tutto, si vede meglio

I riflettori sono per il cliente e tu sei consapevole di lavorare per lui. Ma non sei solo uno spettatore passivo, nascosto dietro le quinte: quando si alza il sipario su una nuova campagna sai che il copione l’hai scritto tu. Controlli che ogni dettaglio funzioni nel modo corretto e in caso contrario sai aggiustare ogni pezzo perché la scena sia perfetta.

Matteo: L’importanza del lavoro di chi sta dietro le quinte è importantissimo, serve per far filare tutto liscio. I colleghi e i clienti sanno quanto è importante ed è questo che gratifica.

Hai tutto sotto controllo

Proprio come un ragno con la sua tela, sai come “tessere” la campagna per tenerla insieme in ogni momento. Non significa solo tenere traccia di scadenze e fasi del processo di lancio, ma anche assicurarti che il lavoro venga svolto nel modo migliore per tutto il tempo.

Matteo: Serve organizzazione, metodo ed esperienza. Non lasciare mai nulla al caso e cerca di prevedere ogni cosa.

Sei un problem solver nato

Quando ti trovi in una situazione difficile, non ti scoraggi, non rimandi, non ti tiri indietro. Affronti il problema di petto e cerchi di gestire la situazione e di portare a termine il lavoro anche se si tratta di contare sulle tue sole forze e di sudare parecchio.

Matteo: I problemi ci sono, l’importante è non farsi prendere dal panico e pensare a tutte le soluzioni possibili. Perchè c’è sempre una soluzione che può farti comunque raggiungere l’obiettivo prefissato. È importante far tesoro di quello che accade, perché la volta dopo sarai sicuramente più preparato e diventerai un miglior problem solver.

Ami la comunicazione chiara – e la usi sempre

Che si trattasse di un lavoro di gruppo all’università o di una grigliata estiva, ti sei sempre accertato che non ci fosse confusione su ruoli e posti di ritrovo, orari e date e che tutti avessero capito bene. Una comunicazione chiara è essenziale per raggiungere il mercato dei consumatori, ma anche per una festa – o un progetto di lavoro.

Matteo: In una campagna possono essere coinvolte decine di persone: ognuna di esse, nel suo piccolo, fondamentale. Se si perde un’informazione che si crede superflua si rivelerà poi quella fondamentale per poter procedere allo step successivo.

Sei ambizioso, in grande

Prima, quando guardavi una pubblicità in TV o leggevi del successo di una grande azienda straniera, ti chiedevi sempre Come lo hanno fatto?, ora la tua domanda non è più come ma quando. Sei appassionato di marketing e del suo potere di comunicazione: desideri sfruttare gli strumenti di marketing per avere successo su larga scala.

Matteo: Quando si lavora con un cliente di alto livello si impara tantissimo, sei a contatto con tantissime persone, ognuna delle quale ha molto da insegnare. In più, quando una DM che stai impostando verrà inviata a milioni di persone, sei costretto a valutare ogni minima possibilità, a evitare ogni minimo imprevisto. E questo ti fa crescere molto dal punto di vista professionale.

Sai essere umile

Questa potrebbe sembrare una contraddizione perché, si sa, talvolta il marketing è concepito dalle persone come qualcosa di assai diverso: forte, invasivo e pressante. Ma, qualunque campagna tu gestisca, sai bene che se non lavori con il tuo cliente, lavori contro di lui. Questo significa prendere con filosofia critiche, ostacoli imprevisti e cambiamenti dell’ultimo minuto.

Matteo: Essere umile nel rapporto col cliente vuol dire sapersi adattare alle sue necessità, vuol dire essere flessibile e disponibile a trovare una soluzione che soddisfi le sue esigenze. Quando vieni bombardato da diverse richieste contemporaneamente diventa molto difficile mantenere la calma, ma ogni richiesta è importante e bisogna essere in grado di organizzarsi per poterle gestire tutte nel migliore dei modi.

Se tutto questo ti suona familiare, allora quello del marketer non è solo un lavoro in cui puoi riuscire, ma in cui potresti addirittura eccellere.

 

[Immagine a cura di Milo Angeloni.]

1 commento

Add yours